In riferimento alla notizia di due casi di scabbia registrati tra gli studenti della scuola statale Elio Vittorini di San Pietro Clarenza, ‘Noi con Salvini’ prende posizione con una nota del deputato Angelo Attaguile, segretario nazionale del movimento, e di Fabio Cantarella, vicesindaco di Mascalucia.

Sulla questione Angelo Attaguile anticipa di aver già predisposto una interrogazione rivolta ai ministri della Salute e dell’Istruzione per sapere se corrisponde a verità che l’istituto scolastico Elio Vittorini di San Pietro Clarenza nel pomeriggio ospiti giovani studenti extracomunitari per lo svolgimento di corsi”.

L’on. Attaguile, rivolgendosi ai due ministri interrogati, chiede loro di rendere noto il numero delle strutture scolastiche italiane interessate da corsi di questo genere, quali fasce di popolazione scolastica italiana ne sono interessate e quali controlli medici vengono eventualmente eseguiti sui migranti in questione al fine di escludere malattie contagiose e salvaguardare la salute di quanto di più prezioso esista al mondo: i bambini!”.

Dal canto suo, Fabio Cantarella, responsabile della comunicazione di Noi con Salvini in Sicilia e vicesindaco a Mascalucia, comune confinante con San Pietro Clarenza, lancia l’allarme “sull’utilizzo di sempre più istituti scolastici, in tutto l’hinterland etneo, per favorire lo svolgimento di corsi di formazione dedicati agli extracomunitari sbarcati recentemente. “Dall’inizio dell’anno scolastico sono numerosi i genitori che mi hanno contattato preoccupati perché nel pomeriggio e alla sera vedono migranti accedere alle strutture scolastiche– commenta Fabio Cantarella-. Desiderano sapere quali esami medici vengono eseguiti loro prima di consentirgli di accedere ai locali dei nostri piccoli. Ne hanno tutto il diritto”.

“Ai buonisti del Partito democratico e agli alfaniani del Nuovo centro destra –concludono Angelo Attaguile e Fabio Cantarella – diciamo, che nel dubbio, ci pare più responsabile utilizzare i locali delle loro segreterie politiche piuttosto che le scuole per i corsi di formazione dedicati ai clandestini. Ci pare assurdo che si dibatta sulla opportunità di rendere obbligatori i vaccini per i bambini italiani onde evitare contagi a scuola e poi, in nome della speculazione economica travestita da accoglienza, questo governo consenta l’ingresso nelle nostre scuole di migranti arrivati sui barconi da poco”.